Emma Bulzoni ai Campionati Nazionali Gold

Domenica 22 Aprile si è svolto a Forlì la fase Nazionale del Campionato Individuale Gold di Ginnastica Ritmica  delle categorie Junior e Senior, la fase finale del circuito di più alto livello e di più alto prestigio del circuito Gold alla quale hanno partecipato le migliori ginnaste provenienti da tutta l'Italia. 

A rappresentare la città di Ravenna a questo importantissimo campionato c'era la società Edera Ravenna Ritmica con la ginnasta Emma Bulzoni che dopo l'argento alla Fase Interregionale era riuscita a centrare la qualificazione a questo importantissimo evento.

La ginnasta bizantina  in una gara di altissimo livello tecnico chiude con il 22esimo posto italiano nella categoria Junior1.  

Per Emma questa era la sua prima partecipazione a un campionato italiano individuale di così grande portata e la tensione e l'emozione di un evento così importante non hanno permesso alla ginnasta di dimostrare a pieno il suo valore facendole commettere errori che l'hanno fatta concludere in una posizione molto inferiore rispetto alle sue capacità e al suo livello di preparazione.

La società Edera Ravenna è comunque orgogliosa che la ginnasta sia riuscita a partecipare dopo anni di intenso e duro lavoro a un campionato così importante ed è certa che questo sia solo l'inizio per Emma di un percorso in continua crescita che la porterà ad avere risultati sempre migliori.

Il team di allenatori composto da Camilla Casadio, Sara Tiene, Alessia Gugliermetti e il mental coach Enrico Bartolini sono già al lavoro per le prossime competizioni ancora più certi delle possibilità della propria atleta e del suo potenziale di crescita.

Appuntamento per l'Edera Ravenna Ritmica il prossimo weekend a Pescara dove a scendere in pedana nel campionato italiano di massimo livello toccherà alle ginnaste più piccole delle categorie allieve, l'Edera sarà presente alla competizione con le ginnaste Margherita Ravaioli e Emily Beccari che hanno entrambe centrato la qualificazione.

emma gold.jpg

Clicca qui per leggere l'articolo su RavennaToday